Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Consapevolezza’ Category

Quando nel 2014 persi il lavoro da impiegato e poco dopo dovetti difendermi dal divorzio imposto dall’ex-coniuge, mi ritrovai a fare i conti con una situazione che non avevo mai vissuto prima di quel momento: la povertà.

I tentativi di inserimento lavorativo non producevano i frutti sperati.

Mi accorgevo che mandare un CV dalla posizione di disoccupato non sortiva gli stessi effetti di mandarlo da occupato, sebbene i miei skill fossero gli stessi. Cominciai a chiedermi i motivi per cui il mio CV professionale che fino a quel momento aveva fatto invidia ai miei colleghi era diventato di colpo di serie b.

Veniva palesemente scartato.

L’onestà non è una virtù nell’ambiente lavorativo italiano, ambiente verso cui giocoforza stavo indirizzando le mie ricerche tentando invano di rimanere vicino a mia figlia.

Nessun manager o HR mi parlava in maniera chiara in modo da permettermi di capire quali skill avrei dovuto reintegrare nel mio profilo per reindirizzarmi al meglio al mondo lavorativo.

Conseguenza di questo, dovevo ampliare gli sforzi differenziando l’offerta.

Pensavo che se era difficile trovare una posizione lavorativa adatta a me, se quindi la ricerca chiedeva più tempo del previsto, potevo nel frattempo fare tre cose:

1) formarmi in altri settori, acquisire cioè skill in altre discipline sperando di ampliare lo spettro di opportunità lavorative;

2) far diventare le mie passioni un lavoro, tentando di investire cioè nei miei naturali talenti;

3) terzo e non ultimo, dare vita a qualche start-up, un campo, quello dell’imprenditoria, che non mi si confaceva e a cui non ero culturalmente preparato, ma che dovevo tentare.

Quindi a partire da subito nella giornata di 24 ore dovevo inserire in qualche modo, nonostante tutti i casini in cui ero finito, il tempo per:

– fare dei corsi, online, offline, pratici, teorici, insomma fare formazione;

– farmi venire delle idee per investire pochi soldi e avere un ritorno, aprire un’attività di vendita, di produzione di qualcosa, decidere quanti risparmi investire, insomma dare vita ad una attività imprenditoriale (lavoro questo, più che pratico, diciamo di progetto e concettuale, almeno inizialmente);

– strutturare il mio hobby del disegno in un percorso lineare che mi permettesse in breve tempo di lavorare come un artista “professionista”.

I corsi

Cominciai a seguire corsi di pittura e disegno in vari contesti formali (accademia di Como) e non formali (corsi per adulti organizzati da varie entità più o meno riconosciute: associazioni, dicasteri, ministeri, scuole, professionisti del settore ecc.)

Mi procurai tutto il materiale (3000 euro di investimento in un anno) e la notte la passavo a dipingere, srotolando il cellophan sul pavimento per non far macchiare il parquet (pensare che vivevo in una casa col parquet!) e poi ripulendo tutto entro la mattina seguente.

Studiavo grafica digitale online, partecipavo a gruppi di artisti su Facebook e cercavo materiale audiovisivo di buona qualità per quello che mi interessava imparare. Mi esercitavo, cercavo collaborazioni, cercavo visibilità, contattavo maestri, professori, corniciai, fornitori, sponsor…

Start-uppare

Poi dovevo pensare a qualche start-up. Le idee che mi vennero in successione furono negli anni:

  • produzione di funghi utilizzando la posa del caffè.

 

Era una idea non nuova ma sembrava essere redditizia in qualsiasi situazione climatica, dall’Inghilterra all’Australia e soprattutto bastava un luogo chiuso e abbastanza ampio come una officina, un appartamento vuoto o cose simili per iniziare l’attività.

Alcuni amici sembravano interessati ed erano agronomi, quindi avrei avuto la collaborazione di esperti, inoltre un imprenditore di Como si disse interessato ad ascoltare la proposta.

L’investimento era importante all’inizio ma successivamente le spese sarebbero state ridotte al solo ricambio di tanto in tanto dei materiali.

Tuttavia in un secondo momento le persone che inizialmente si sentivano coinvolte abbandonarono l’idea e così anche per me, preso da mille calcoli ma sostanzialmente ipotetici, non avendo esperienza di gestione aziendale, non avendo soldi sufficienti, venne il momento di accantonare il progetto.

  • Creare un’attività di produzione agricola di piccolissima scala nei pressi di Lugano, per poi vendere nei mercati agricoli prodotti di qualità

Quest’idea nacque da alcuni colloqui con altri produttori e da ricerche di mercato svolte sul campo andando a raccogliere testimonianze dalle persone che frequentavano il mercatino agricolo di Lugano.

L’idea era partire con la gestione di terreni altrui per avviare una produzione in maniera cooperativa tra proprietario (che mi avrebbe dovuto dare in gestione il terreno) e il sottoscritto.

C’era un terreno tra Lugano e Pregassona che sembrava abbandonato e presi contatti con dei vicini che erano entusiasti dell’idea, ma il problema era la mancanza di competenze.

Non potevo certo contare sulle mie (poche) esperienze e conoscenze teoriche, né avevo vita facile nel conciliare questo progetto con la vita familiare dell’epoca.

Quindi anche questa idea finì.

  • partecipare ad un progetto imprenditoriale comune

Andai a fare visita a tre realtà agricolo-turistiche in Piemonte, Lombardia (Vicino Bergamo) e la terza nei pressi di Vicenza.

Rimasi ospite in tutti i casi per qualche giorno, per conoscere il progetto, il proprietario, la realtà lavorativa e le condizioni di partecipazione.

Non funzionando nessuna di queste idee (chiedevano troppi soldi per partecipare, qualche decina di migliaia di euro gli sembrava del tutto insufficiente) ho cercato altro e ho scoperto che in Lombardia-Veneto sono bravi a vendere prodotti benefici per la salute a base di una medicina universale poco conosciuta: l’ulivo.

  • Diventare venditore free-lance

Ho lavorato come venditore autorizzato di Olife per un periodo, scoprendo che era richiesto un impegno economico non indifferente per le mie tasche per entrare nel business come partner.

La rete di conoscenze che avevo non sono state sufficienti a far decollare l’attività.

Per tirarmi su ho pensato: vendere non è mai stata la mia vocazione.

Il materiale promozionale giace ancora lì, in un angolo della stanza.

 

Anni recenti

Ho cambiato nel frattempo residenza varie volte, sono andato a vivere in situazioni via via meno stabili, ma nel frattempo ho concretizzato qualcosa dal punto di vista della formazione extracurricolare.

Ho preso l’abilitazione ufficiale di guida turistica nazionale in Italia, ragion per cui ho visto come aperta la porta della start-up in questo campo: mi serviva solo capire come girava questo mercato e buttarmici dentro.

Nel frattempo ho preso anche l’abilitazione come conducente NCC di autovetture per trasporto turistico.

Mi sono concentrato dapprima nella presenza online della mia figura di guida turistica.

La mia formazione nei tempi morti continuava. Ho acquisito conoscenze di SEO per costruire e posizionare al meglio il sito web. Ho acquisito conoscenze linguistiche, prendendo una certificazione di livello C1 in Spagnolo e investendo in un corso annuale di Francese.

Fare la guida turistica

La prima botta nel nuovo mondo del turismo è stata che le agenzie turistiche per cui avevo cominciato a lavorare erano abituate ad uno sfruttamento selvaggio delle guide. Ciò è figlio in Italia della mancanza di una struttura sindacale e di categoria per le guide.

E’ un paradosso, in un Paese che si regge sul turismo, ma questa è la reale situazione.

L’ho scoperto sporcandomi le mani in prima persona.

Ho dovuto quindi abbandonare alcune agenzie per ché troppo spietate e dedicarmi a creare il prima possibile un canale di contatto diretto con i clienti.

Facile a dirsi: non sapevo da dove cominciare.

Altra sorpresa: appena ho messo online il sito, invece di accogliere positivamente i feedback eccellenti che stavo ricevendo dai clienti, le agenzie mi hanno subito scartato per, a loro dire, il problema del “conflitto di interessi”.

E’ da ridere: il mercato delle agenzie è vero che è pressappoco sovrapponibile con quello delle guide turistiche, ma è ovvio che sia così. Le guide lavorano anche con le agenzie di tanto in tanto, ma lo fanno rispettando un codice deontologico che prevede sempre di pubblicizzare il brand del datore di lavoro e non proprio.

D’altra parte vi immaginate un professionista che una volta accettato un incarico ed ultimato un lavoro per un cliente, viene rifiutato da tutti gli altri clienti sulla piazza perché timorosi dello spionaggio industriale? E’ proprio per questo che il lavoro è regolamentato e controllato da leggi apposite.

La logica che ingenuamente mi aspettavo trainasse il settore era: la torta è grande, ce n’è per tutti. Invece no. Nella pratica, a Firenze, funziona diversamente. Sorpresa, Emmanuele, sorpresa.

Le agenzie di Firenze mi hanno risposto che volevano evitare di lavorare con guide che avevano contemporaneamente da promuovere un “proprio lavoro”.

L’ambiente tanto chiuso mentalmente mi ha reso la vita ancora più difficile perché da quel momento ho potuto contare “solo” sul lavoro procacciato per conto mio, ho dovuto in pratica chiudere con le agenzie, il che per una persona appena entrata in quell’ambiente lavorativo significa: niente guadagno per i primi anni.

Come trovare i soldi per vivere ,allora?

Intanto avevo fatto un numero di corsi di pittura e disegno sufficienti per avere le basi, avevo costruito l’attività di artista indipendente online, per lo meno, pensavo, ero presente con un sito e sui social. Era un inizio.

Arte?

Avevo prodotto delle opere che ritenevo accettabili e così partecipando a delle selezioni e concorsi, ero stato selezionato. Una bella soddisfazione.

Anche qui il mondo dell’arte mi si apriva piano piano e capivo ora quali e quante spese e mi si presentavano annualmente e, soprattutto, su quanti guadagni potevo contare con la vendita di opere d’arte: troppo pochi. Quasi zero.

Ho veduto in youtube una opportunità per avere più visibilità e, in un secondo momento, essere visto e raggiunto da più clienti.

Da allora ho prodotto e fatto produrre video per presentare l’attività di guida turistica.

Il paradosso sta nel fatto che inizialmente si dovrebbe avere dei clienti per poter avere dei clienti.

Cioè: si dovrebbe lavorare con dei clienti per poter creare materiale video mentre si lavora, documentandolo in maniera attraente in modo da usare questo portfolio come pubblicità da pubblicare sul sito.

Quelli che meglio di tutti riescono in questo, più bravi di me, fanno “diventare se stessi un brand”.

Produrre video permetterebbe sia di

– pubblicizzare il prodotto da vendere,

– sia di farlo pubblicizzare gratis da chi già mi ha conosciuto ed è rimasto soddisfatto, secondo un effetto esponenziale di passaparola,

– sia di propormi come insegnante di tecnica di pittura, quindi non solo arrivare al mercato degli acquirenti di opere d’arte, ma anche a coloro che aspirano a diventare loro stessi artisti.

In questi anni sono migrato, senza rendermene conto, da un’idea di lavoro da trovare, verso un’idea di lavoro da inventare. Infatti poco a poco le mie idee imprenditoriali andavano a incanalarsi sempre più spesso nella forma:

learn → show → teach

Cioè:

LEARN – segui dei corsi, prendi un titolo, una qualifica, insomma impara un mestiere

SHOW – fallo vedere al mondo, mostra le opere che crei, mostrati mentre svolgi un tour, mentre fai il tuo lavoro. Promuoviti.

TEACH – proponiti come tutor per coloro che aspirano a fare lo stesso. Creati, cioè, dei clienti stabili.

Come potete leggere sopra, senza accorgermene sono entrato nella logica di mercato di oggi.

Questo modello, come tutti quelli nati negli ultimi 80 anni negli Stati Uniti, coinvolge e rivoluziona il mondo del lavoro di altre culture. Più che rendere liberi e creare opportunità (?), rende la vita sempre più complessa a chi cerca di sopravvivere. Impone ritmi e richiede risorse talvolta difficili da reperire.

Perché una cosa è applicare il flusso L-S-T al tipo di cultura tipica degli States, un’altra cosa è applicarla all’Italia.

Non funziona allo stesso modo.

Senza rendermene conto sono piano piano migrato all’idea che i miei datori di lavoro dovrebbero essere grandi aziende della comunicazione digitale (Youtube, TripAdvisor, Google, Apple, Linkedin, Facebook, WordPress) che anziché pagare loro me, inizialmente si fanno pagare da me.

Questo fino a che il mio brand non sale ad un livello di notorietà che permette di essere ambito da un pubblico sufficientemente vasto, da quel momento in poi io riceverei da loro i soldi per ospitare pubblicità.

Quindi esiste un punto critico: se non sono abbastanza famoso nei social il mio brand vale poco, se invece le mie “azioni” salgono di valore, allora le grandi aziende digitali mi considerano attraente e, finalmente, potrei vedere il colore di qualche soldino. Sempre che non muoio di fame prima.

Rimangono altre alternative, una di queste è la partecipazione in Italia al vecchio concorso pubblico, insieme ad altri 100 mila disoccupati, per ottenere il posto fisso.

Andare all’estero: la cura per tutti i mali

Andare all’estero per cercare nuove opportunità?

Prima considerazione:

All’estero le cose non funzionano in maniera totalmente differente, siamo tutti nella stessa barca.

Si presentano le difficoltà non tanto linguistiche, ma logistiche ed economiche.

Sarei, inizialmente, in svantaggio, cercando affannosamente di guadagnarmi un posto. E’ possibile, certo, però occorre tempo.

Non perdo la speranza. Come diceva Gramsci: La ragione è pessimista, la volontà è ottimista. Vado avanti, finché ho benzina.

Ciau

Riferimenti

L’attività artistica sta qui https://emmanuelecammarano.com

L’attività di guida turistica sta qui https://landmarksinflorence.it

L’attività di ingegneria sta qui https://www.linkedin.com/in/emmanuele-cammarano-engineer/

Read Full Post »

Controinformazione oggi è un parola nobile, non più un eufemismo.

Un esempio è Altreconomia, rivista mensile di reportage, giornalismo d’inchiesta, politica internazionale e società.

altreconomia

Due articoli, nei numeri di agosto e settembre, che potrebbero interessarvi

COS’E’ SUCCESSO DOPO IL TERREMOTO DEL 2016?

altreconomia.it/terremoto-reportage

terremoto

il 24 agosto 2016 un terremoto ha devastato l’area lungo la Valle del Tronto, tra i comuni di Accumoli, Arquata del Tronto, Amatrice e le sue sessantanove frazioni. Da allora quasi nulla è cambiato.

FERMATE I SOLDATI ROBOT

Nel numero di settembre la copertina è dedicata alla guerra disumana dei droni, i velivoli militari telecomandati che hanno rivoluzionato i conflitti, stravolto il mercato e contribuito alla destabilizzazione internazionale. Un’inchiesta sulla scia dell’appello “Fermate i soldati-robot” lanciato all’Onu da 116 fondatori di aziende di robotica e intelligenza artificiale.

Leggi articolo precedente su questo blog.

droni

 

 

Read Full Post »

Chi di noi non conosce il lato oscuro del capitalismo e della globalizzazione? Beh, potremmo anche conoscerlo, perché magari abbiamo visto una sera l’ultimo di Michael Moore su YouTube, ma non lo viviamo come lo vivono in questo momento i cinesi.

 

Read Full Post »

L’informazione dei media e quella che riceviamo ogni giorno dalla rete influenza le nostre idee e convinzioni e determina addirittura le nostre scelte di vita, come successe nel mio caso con una serie di scelte di vita verso un progetto di rilocalizzazione e sostenibilità nel 2011.

L’informazione attualmente nei mainstream è pilotata dai grandi interessi multinazionali e militari, quindi è molto pericoloso “lasciarla fare” cioè guardare quello che passa. Molto importante è invece filtrarla creando degli account e iscriversi ai canali che riteniamo giusti, adeguati e pesati sulla base della fiducia che abbiamo verso determinati giornalisti e giornali.

La mia attuale informazione quotidiana è:

Abbonamento: Altreconomia

YouTube: iscrizione al canale Byoblu, PandoraTV, Italia che cambia, RT

Trasmissioni TV registrate in rete e visibili su YouTube: Piazzapulita, Otto e mezzo, La 7 Attualità

Blog e giornali online: Beppegrillo, IlFattoQuotidiano, Claudio Messora, Diego Fusaro

rt

Sono decine invece le letture su altri giornali saltuariamente visito:

The Ecologist, Financial times, Economist, Internazionale, Time.

Ogni tre-quattro mesi queste fonti possono cambiare, dipendendo dalle mie preferenze, giudizio critico e interessi.

Read Full Post »

Di cosa si parla: Glifosato, celiachia, biologico, byoblu
Tempo fa, 2013 credo, studiai diverso materiale sulla celiachia e in quel periodo mi occupavo anche di agricoltura ecologica.
Stavo studiando anche gli inquinanti in uso in agricoltura e disegnai  due curve: una dell’andamento negli ultimi anni della celiachia, esplosa misteriosamente. Un’altra dell’uso del glifosato.
Tutti intorno a me in quel periodo nutrizionisti e medici compresi stavano a dire: la celiachia è dovuta al glutine, è intolleranza.
Tutti, dotti e profani si sono riempiti la bocca con questa parola senza sapere talvolta neanche che significa.
Ai supermercati è esplosa la moda del gluten-free. Le famiglie con i figli celiaci evitavano il pane come la peste: riempivano la dispensa di prodotti senza glutine. Per esempio mangiavano solo riso e SOIA. Si parlava solo di quello, a Firenze.
Quello che io avevo notato era molto strano: le due curve di cui sopra, glifosato-celiachia, combaciavano perfettamente.
per me era evidente: siccome il glifosato è usato nelle coltivazioni di cereali, è lui la causa della celiachia.
Talvolta al mio interlocutore domandavo: Scusa ma se è il glutine a provocare la celiachia, perché mai noi italiani ne siamo tanto affetti solo ora, dato che da almeno 500 anni ci abboffiamo, tutti i giorni pari e quelli dispari anche, di grano?

Questo bellissimo servizio di Claudio Messora mi ha fatto saltare sulla sedia.
claudio_messora

La soluzione?

Contattare produttori di grani biologici, sani e privi di veleni. Non comprare più prodotti industriali, trovare un gruppo di acquisto solidale vicino casa e iscriversi.
Diffondete!

Postfazione

Sosteniamo Claudio Messora e diffondiamo il suo appello: Leggi qui

Read Full Post »

Dietro l’Euro c’è il piano, non più tenuto sotto i radar, di rifacimento del sistema economico dell’intera Europa occidentale. Il trattato di Lisbona è una guerra dichiarata contro le Democrazie europee. Le azioni dei lobbisti e dei tecnocrati di Bruxelles degli ultimi anni non lasciano dubbi. Basti elencare alcuni fatti: l’intrusione e modifica del processo referendario greco del 2011, la deposizione in Italia di Berlusconi (dopo che aveva accennato al ritorno alla lira), la manovra subdola per far saltare il voto del Brexit (video Byoblu), i referendum costituzionali annullati a Francia e Irlanda.

Il piano è quello dichiarato senza alcun timordidio dai banchieri-finanzieri-lobbisti, ovvero i nuovi “rentiers” per usare un termine degli economisti. Qual’è questo piano:

Impoverire l’Europa con una deflazione forzosa e prolungata negli anni. La deflazione è l’opposto dell’inflazione.

INFLAZIONE – DEFLAZIONE

Nei periodi di inflazione circola molta moneta cartacea ed elettronica, troppa. Tanto che la valuta stessa si “svaluta”, perde di valore, come fosse una merce di cui ce n’è troppa e quindi vale sempre meno. Questo è visibile tenendo d’occhio il prezzo di uno stesso prodotto prima e dopo l’inflazione: ad esempio teniamo d’occhio una scatola di fiammiferi, il cui prezzo vediamo salire duarnte un periodo inflativo. Quel prezzo non sale certo perché improvvisamente la tecnologia arretra facendo costare di più all’industria produrre una scatola di fiammiferi. Piuttosto è la moneta che vale meno e quindi semplicemente alla scatola di fiammiferi viene applicato un prezzo maggiore in euro sul mercato, perché gli euro hanno meno valore di prima, rispetto alla scatola di fiammiferi.

Nella deflazione succede l’opposto circola poca moneta, cartacea ed elettronica. Troppo poca. Quando non circola la moneta sufficiente per mandare avanti l’economia si hanno gli stessi effetti in un corpo umano di quando non circola abbastanza sangue. Nonostante vi siano organi, come le membra o il fegato, in perfetta salute e capaci di lavorare (equivalenti, nel paragone, alle varie classi lavorative, braccianti, il comparto dei servizi, i comparti industriali, ecc) queste non sono messe in condizione di lavorare perché manca loro il sangue. Si impoveriscono, cioè dimagriscono pian piano, come dei muscoli sottoutilizzati, fino a morire di inedia.

Allo stesso modo agisce la deflazione forzosa prolungata in uno stato: le classi lavorative perdono lavoro e si impoveriscono. Di conseguenza si riduce la loro spesa privata (come gli acquisti), spendono sempre meno perché non hanno nulla da spendere, mentre i loro risparmi scompaiono. Chi ha contratto un debito fallisce, perché non circola abbastanza denaro da intascare e poter ripagare il debito. Si scatena cioè tutta una catena di eventi che, in sostanza, porta il paese alla miseria.

Ma cosa credeva la plebaglia europea? Che l’euro fosse stato fatto per la loro felicità?

A.Parguez

Perché si vorrebbe impoverire l’Europa? per saccheggiarla, ovviamente. Come i sovrani medievali facevano sei secoli or sono.

Per farlo è necessario togliere di mezzo la figura del cittadino. E’ necessario cancellare il popolo, smagliarlo, scoordinarlo fino a farlo diventare un ammasso di poveri reietti che accettano finalmente la loro condizione di poveri e non pretendono più di risollevarsi. Accettano la loro povertà e si piegano da quel momento a vivere in una miseria che non si vedeva dal medioevo, accettano stipendi da cinesi, accettano di essere dominati da una plutocrazia, essere governati cioè dai ricchi.

Questa favola dell’orrore in realtà mi faceva sorridere anche a me, fino a poco tempo fa: mi dicevo, Non esageriamo!

Oggi voglio scrivere di due aspetti inquietati che, seppur non connessi necessariamente tra loro, vedo davanti ai miei occhi e che remano invece a favore di questo piano tragico.

PASSIVITÀ

Gli italiani si sono stati zitti dopo il golpe del 2011 (video Fusaro, video Barnard), dopo che è stato deposto un governo regolarmente eletto ed è stato messo al suo posto un banchiere della Goldman Sachs (articolo del Giornale).

Non si sono viste rivolte, movimenti, scioperi, azioni legali. Insomma, vedo che il popolo sta accettando qualsiasi porcheria gli venga perpetrata dal di sopra e ingoia qualsiasi cosa, passivo.

Unica denuncia formale alla Procura della Repubblica è quella avanzata dall’Avv. Marco Mori e tutt’ora in corso (che vi invito a presentare anche voi, sperando che prima o poi qualche anima buona di giudice la colga) scaricabile a questo link.

Insomma sembra che il popolo non sia più capace di rivoluzioni, nel sud Europa.

Mi sembra una realtà di importanza epocale, una cambiamento interiore della società impressionante, storico. PERCHÉ NON SE NE PARLA?!?

COMUNICATIVITÀ IN DECLINO

Secondo aspetto preoccupante. L’avanzamento della tecnologia e la maggiore comunicazione messa a disposizione di tutti con i mezzi tecnologici, in Italia primo fra tutti Whatsapp, sta avendo l’effetto opposto.

Ad esempio mi è successo pochi giorni fa di mandare in riparazione lo smartphone e rimanere con un datato ma ancora funzionante cellulare. Gli ho inserito la mia SIM e quindi ero reperibile sul mio numero mobile, avevo poi a casa email e skype, fax, ecc. Mancava, insomma, solo la chat line di Whatsapp.

Ora c’è da dire che sto in molti gruppi in cui si stanno portando avanti tramite Whatsapp numerose conversazioni importanti sulla scuola di mia figlia, ma anche riguardo all’organizzazione di gruppi di attivismo di varion genere, conversazioni con i miei clienti, informazioni di lavoro, ecc.

Ebbene, non ho ricevuto una chiamata! Mi è stato detto quando sono ritornato in possesso dello smartphne: “Ma dov’eri finito!?”

Scritto attraverso un messaggio Whatsapp… ovvio.

In conclusione, in questi anni la comunicazione tra piattaforme informatiche, software e file sta aumentando, ma la comunicatività delle persone sta diminuendo. La capacità di comunicare verbalmente, di telefonare qualcuno, il coraggio di sollevare la cornetta e di affrontare una voce dall’altra parte, con un suo accento, un suo pensiero, con delle convizioni, una sua risposta perentoria e magari sgradita lì per lì. Tutto questo si evita con Whatsapp. Si evita il contatto umano e ci si rifugia nel cuscino morbido e rassicurante del sonno della mente.

E allora sì che mi chiedo dove si andrà a finire se si reputa una situazione scolastica come quella della scuola in cui sta mia figlia non abbastanza importante da scomodarsi a chiamare per telefono qualcuno, oppure se non si reagisce neanche di fronte l’immensità della notizia di una perdita di sovranità.

Questi due aspetti dell’imbarbarimento della società rappresentano la condizione ideale per fare di un popolo carne da macello. Chi non ne approfitterebbe! Un popolo che non comunica e non reagisce davanti una aggressione finanziaria fatta a suon di leggi che cancellano il proprio diritto a gestire la propria economia, chi non ne farebbe un sol boccone di un popolo di pecore così!

Read Full Post »

clorof

Agricoltura sostenibile, economia civile, bioarchitettura, arte nei parchi, inquinamento: saperne di più non è solo bene, è necessario.

Clorofilla, il festival di film e documentari ‘green’ di Legambiente,  ospite dal 6 al 9 ottobre nella storica sala fiorentina Spazio Alfieri, ci informerà su tutto questo.

 

Iniziato nel Salento e portato in undici località italiane, Clorofilla si fermerà a Firenze con documentari e corti premiati e pluripremiati, da “Bellissima” di Alessandro Capitani, vincitore del David di Donatello 2016, a “Babbo Natale” di Alessandro Valenti e “Amira” di Luca Lepone, vincitori del concorso MigrArti.

 

I documentari che si proietterano durante il Clorofilla film festival sono:

“DERT” di Mario e Stefano Martone su un’esperienza positiva di imprenditoria nei luoghi della guerra nei Balcani;

“La Gente Resta” di Maria Tilli, la forza di una famiglia che continua a vivere nei terreni inquinati dell’ILVA, prodotto da Fabrica con Rai Cinema;

“Don’t flush your freedom” di Alessandro Turci e Federica Miglio che racconta il mondo e la filosofia Earthship, la bioarchitettura del rivoluzionario architetto americano Mike Reynolds;

“Bioresistenze” di Guido Turus e Elisabetta Angelillo, un viaggio dentro il mondo dell’ agricoltura sostenibile.

 

Aprirà le serate il documentario campione d’incassi in Francia “Domani” di Cyril Dion e Mélanie Laurent, un lavoro on the road fatto da persone che vogliono dare il loro contributo per salvare il pianeta.

Sabato 8 ottobre giornata realizzata con l’iniziativa culturale Novo Modo, promossa da Fondazione Banca Etica e da molti altri soggetti.

Un concerto speciale del maestro Stefano Ordini e le premiazioni nella serata finale di domenica 9 ottobre.

 

Il tutto grazie alla collaborazione con Spazio Alfieri e Quelli della Compagnia.

 

 

Per saperne di più su ogni film, per orari e programma: www.spazioalfieri.it

Ingresso:

• 7 euro per il film ‘Domani’ – ridotto 6 euro

• Per tutte le altre proiezioni ingresso 6 euro – ridotto 5 euro (il biglietto per una proiezione vale per tutte le altre della giornata ad esclusione del film documentario ‘Domani’)

Read Full Post »

Older Posts »