Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Marco Mori’

Dobbiamo essere fieri in questi anni che si sia presentato al pubblico una persona come Marco Mori, avvocato giurista e anima del movimento politico Riscossa Italia.

Il partito di Mori che si presenta in questi giorni a candidatura di sindaco di Genova è l’unico a parlare dell’elefante nella cristalliera. L’unico a mettere il punto sulla vera radice della recessione economica di questo ultimo decennio:

– L’unione europea è frutto di un accordo tra esponenti della vita politica e banchieri per portare avanti un piano neoliberista di business per lobby e corporation.

– Nessuno Stato nell’unione europea ha più la facoltà di controllare l’economia del proprio Paese, visto che sono venuti a mancare i pilastri della sovranità: battere la propria moneta, decidere la propria politica di spesa pubblica, quindi sarebbe una chimera per un partito politico promettere di rifare strade e ponti se non si facesse prima l’unica cosa logica: violare la legge di bilancio (chiamato eufemisticamente patto di stabilità) che lo Stato ha firmato a Bruxelles e, se necessario, fare causa allo Stato stesso per violazione dei diritti fondamentali.

– la Costituzione italiana e tutte le altre costituzioni dei paesi membri sono ormai carta straccia se viene portato avanti il progetto europeo secondo come fino ad ora è stato fatto: una serie di commissari europei non eletti detta legge e leggi che gli stati devono mettere in atto nei propri territori, senza contestare. Le Costituzioni sono cosi scavalcate dal trattato di Lisbona, che è anticostituzionale, e i Paesi che pensano di avere ancora una democrazia si sbagliano di grosso: basti vedere in Italia e Grecia cosa è successo negli ultimi anni. Non si fanno più elezioni ma solo passaggi di testimone, i governi politici vengono sostituiti da governi di commissari e banchieri (vedi governo Monti nel 2011).

A tutto ciò c’è una soluzione se si vuole unirsi con il vecchio motto l’unione fa la forza, o con la vecchia obsoleta mania del voto e della possibilità, quindi, per il popolo, di dire la sua.

Chi vota Marco Mori si prende la responsabilità di appoggiare l’unico partito che vuole rovesciare il governo illegittimo e sovversivo presente oggi in Italia e in Europa.

Di seguito alcuni video informativi.

Questo è in sintesi estrema il programma operativo che vogliono mettere in atto gli attivisti di Riscossa Italia:

Cercate su youtube anche gli interventi degli altri membri del partito quali

Giuseppe Palma

Alessio Farinella

Luigi Pecchioli

Per ricordare le persone contro cui se la prendono i rappresentanti di Riscossa Italia, si veda questo video

 

 

 

 

Read Full Post »

Dopo tanta informazione mi sono chiare poche, pochissime cose essenziali:

C’è stato un Golpe nel 2011, con il quale le banche hanno preso piede nelle stanze del Governo Italiano. Monti ne rappresentava “solo” la figura ufficiale.

Il Golpe non è un caso isolato ma fa parte di una presa di potere in Europa ormai in fase avanzata. Vedasi caso analogo accaduto in Grecia.

Il golpisti fanon parte di una lobby bancario finanziaria e condita di rappresentanti delle ex aristocrazie, allacciate a doppio filo con gli interessi industriali delle principali aziende private internazionali, che formano una corporazione che ha come scopo sottomettere le democrazie al Mercato, il loro Mercato.

Il “consiglio di amministrazione” di questa lobby prende forma con quello che viene chiamato gruppo Bilderberg, o Commissione Trilaterale. Le persone assunte a lavorare per loro da infilare nei governi, al parlamento europeo, ai sindacati o ai consigli di amministrazione di altre aziende, sono prelevate dai Think Tanks.

Gli strumenti legali con il quale la lobby sta agendo prende quasi sempre la forma di trattato (Maastrict, Lisbona, ne sono alcuni esempi).

L’arma da battaglia è l’euro, banconota a corso forzoso nata sotto il totale controllo di un sistema di banche private (la BCE).

Mi sono chiare anche le conseguenze di tutto questo, che sono sotto gli occhi di tutti in questi anni ma, soprattutto, la SOLUZIONE

In tutte le nazioni europee devono nascere rivoluzioni interne, concepite per ribaltare completamente i governi fantoccio oggi presenti negli stati della UE, tali sommosse devono essere portate avanti contemporaneamente, al suono delle seguenti certezze:

  • Nessuno è padrone in Italia, tranne il popolo italiano.
  • E’ Il popolo italiano a fare le leggi applicabili in Italia, NON i commissari europei.
  • I trattati finto-europei, come Lisbona, NON sono legali, NON sono democratici, NON sono stati votati, NON sostituiscono la Costituzione, PERTANTO NON ESISTONO.
  • L’unico attore che ha facoltà di stamparsi la propria moneta è il popolo italiano, nella persona del Ministero del Tesoro e l’unica moneta che può, in accordo con la Costituzione, circolare in Italia è la Lira.
  • Nessuno può venire a comandare la nostra economia, a fare le nostre leggi nazionali, a modificare la nostra Costituzione, a prestarci la nostra moneta, NESSUNO TRANNE IL POPOLO ITALiANO NELLA PERSONA DI UN GOVERNO REGOLARMENTE ELETTO E DEI NOSTRI RAPPRESENTANTI.
  • Il debito che lo Stato Italiano deve alla BCE (Debito Pubblico) è incostituzionale e NON VA ONORATO.
  • Lo Stato Italiano, stampandosi la propria moneta, può andare in rosso quanto gli pare e piace col proprio popolo e con le proprie banche private, dato che uno Stato NON FALLISCE MAI, avendo a disposizione la più potente macchina per fare soldi a tempo indeterminato e senza inflazione che sia mai stata concepita: il LAVORO dei propri cittadini.

Organizziamoci per riprenderci le nostre vite. Io ci sono.

PS La denuncia potete stamparla a questo link e presentarla, io l’ho fatto.

http://www.studiolegalemarcomori.it/la-denuncia-contro-le-piu-alte-carico-dello-stato-per-la-cessione-della-nostra-sovranita-scaricatela-e-depositatela-versione-aggiornata-al-maggio-2015/

Read Full Post »